Bottiglie di plastica VS Borracce personalizzate: indacine BEI
18537
post-template-default,single,single-post,postid-18537,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,footer_responsive_adv,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-13.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive
Borracce personalizzate

Bottiglie di plastica VS Borracce personalizzate

Il 94% degli italiani intende smettere di utilizzare le bottiglie di plastica, la tendenza sono le borraccie personalizzate.

La Banca europea per gli investimenti (BEI) ha lanciato la seconda edizione dell’Indagine sul Clima. L’indagine è un indicatore di come i cittadini percepiscono il fenomeno dei cambiamenti climatici nell’Unione europea, negli Stati Uniti d’America e in Cina. La seconda serie di risultati fa luce sulle azioni che i singoli cittadini contano di fare per contrastare i cambiamenti climatici.

Sembra che paragonati al resto d’Europa, gli italiani dicono, nel complesso, di essere disposti a fare di più per adeguare il loro stile di vita nel segno della prevenzione ai cambiamenti climatici. L’indagine valuta le seguenti quattro categorie di azioni:

  • Prodotti alimentari. La sostenibilità in materia alimentare è al centro dell’impegno dei cittadini italiani. Il 93% cerca attivamente di comprare più prodotti locali e stagionali e il 48% lo fa già sistematicamente. Vi è in ogni caso una discrepanza tra le fasce di età più giovani e quelle più anziane: rispetto ai più giovani, gli italiani più anziani si impegnano di più ad acquistare unicamente prodotti alimentari locali.
  • Rifiuti. Il 97% degli italiani non usa più prodotti in plastica, o almeno ne ha ridotto il consumo In quest’ottica moltissime associazioni, enti, scuole ed aziende private hanno eliminato i distributori di bottigliette d’acqua per passare all’uso di borracce personalizzatte. Più in particolare, il 94% degli italiani dice di avere l’intenzione di smettere di comprare le bottiglie di plastica mostrandosi molto propensi all’uso di borraccie in alluminio da portare con se nel posto di lavoro o in viaggio, il 96% ha intenzione di comprare meno prodotti imballati con la plastica.
  • Trasporti. Quando si tratta di optare per mezzi di trasporto più ecocompatibili, il 69% degli italiani dice di scegliere di camminare oppure di prendere la bicicletta per gli spostamenti giornalieri. Solo il 54% sceglie di usare i trasporti pubblici, percentuale che è inferiore alla media europea (64%). Ma stiamo assistendo ad un cambiamento epocale per quanto riguarda le case costruttrici di automobili che stanno quasi tutte proponendo nuovi modelli ibridi a corrente elettrica in associazione ai combustibili tradizionali. Anche nelle automobili oramai troviamo diversi comparti per agevolare l’uso delle borracce.
  • Abitazione. Il 38% degli italiani dice di aver ridotto l’uso dei condizionatori, come pratica rispettosa dell’ambiente, mentre coloro che si dicono disposti a non accenderli più nell’anno nuovo raggiungono il 75%, ovvero una percentuale quasi doppia. Inoltre, il 60% della popolazione intende passare a un fornitore di energia verde, mentre il 22% sostiene di averlo già fatto.

Sul tema del ridurre il consumo della plastica il consenso è chiaro: l’81% degli americani, il 93% degli europei e il 98% dei cinesi dicono di aver l’intenzione di comprare meno prodotti di plastica.

Se l’articolo ti interessa visita www.silky.it

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.